Doposcuola in Lucania

Le periferie non sono solo quelle delle metropoli. Ci sono angoli d’Italia che per la loro marginalità geografica diventano periferie essi stessi e dove anche organizzare un doposcuola è impresa originale. E’ quanto sta accadendo a Sant’Arcangelo di Lucania, 7 mila abitanti, dove i ragazzini che vivono nella parte più povera del centro storico, sono finalmente seguiti da educatrici, tre, organizzate dall’Associazione Art Digital Emotion, con sede nel vicino comune di Teana, e finanziata da Specchio d’Italia.

“Senza questo aiuto non avremmo potuto fare nulla” racconta la referente del gruppo, Benedetta Cironi dal Tirolo, in Austria, dove lavora come assistente d’Italiano in un Liceo. Vi stupite? Non dovete: il presidente dell’associazione, per dire, vive a Roma. Il progetto di Sant’Arcangelo ha le sue radici in una community di Facebook nata durante il lockdown, che vedeva Benedetta Cironi tra i protagonisti. “Ero a sant’Arcangelo in quel periodo – racconta l’insegnante – ed avevo come vicino di casa un ragazzino immigrato di 10 anni che frequentava con il progetto Sprar l’ultimo anno delle elementari e non sapeva né leggere né scrivere”.

Benedetta si è rivolta a “Digitali e Uguali”, l’iniziativa portata avanti da Specchio insieme al Gruppo Gedi per donare computer agli studenti bisognosi. Benedetta ha chiesto aiuto e abbiamo risposto, contribuendo a creare un progetto estivo che ha coinvolto durante la pandemia una ventina di bambini di Sant’Arcangelo per tre mesi. Finita l’estate, l’iniziativa è stata rifinanziata, riprogrammata, ed è stato coinvolto il Comune che ha messo a disposizione i locali della biblioteca civica: gli studenti coinvolti sono saliti a 30 (elementari e medie). Le maestre da due a tre. E ora? Pur essendo al telefono, sembra di vedere il sorriso di Benedetta: “Se Sant’Arcangelo è il primo esempio di doposcuola, ora guarderemo ai comuni limitrofi: Francavilla, Villa D’Agri. Vogliamo continuare a crescere”.